COME UTILIZZARE LA CURCUMA: 2 TRUCCHETTI PER GODERE APPIENO DELLE SUE PROPRIETÀ E 6 RICETTE

 

Ormai si è capito: la curcuma è una delle mie spezie preferite se non la preferita in assoluto, tra l’altro contenuta nel KALOSNEP, integratore che  con le sue proprietà  può aiutare a migliorare e regolarizzare il metabolismo agendo nei passaggi chiave dello stesso, creando così le condizioni per un riequilibrio del peso corporeo ed un benessere a livello fisico.

KALOSNEP può contribuire alla perdita di peso e può aiutare a migliorare la forma fisica, senza rinunciare al piacere del cibo aiutando a controllare l'appetito e può avere una azione purificante a livello epatico ed intestinale, inoltre, può aiutare al mantenimento del risultato nel tempo.  .

 

Mi piace vedere il colore che assumono gli alimenti aggiungendo un pizzico di questa spezia e gustare il sapore particolare che prendono. Dato però che la curcuma non fa parte della nostra tradizionale alimentare (viene infatti dall’India) spesso si ha qualche problema ad utilizzarla, nel senso che non viene spontaneo metterla all’interno dei piatti che quotidianamente prepariamo. Ecco allora 6 ricette che potete provar

Tenete presente che: per mantenere al meglio le proprietà di questa spezia è bene utilizzarla a crudo, ovvero metterla solo a fine cottura, evitando così la dispersione di alcuni dei suoi principi nutritivi. Inoltre, per assimilarla meglio è ottimo associarvi un po’ di pepe o un grasso (ad esempio l’olio d’oliva). Ricordate queste due cose importanti anche se ideate delle nuove ricette…

Altro suggerimento è quello di non assumerne dosi eccessive (che possono essere controproducenti) e soprattutto di non assumerla proprio in caso di calcoli biliari (salvo diversa indicazione di medico, omeopata e/o naturopata che avrà valutato la situazione nello specifico).

  1. RISOTTO ALLA CURCUMA

Un piatto dal sapore delicato particolarmente adatto alle serate autunnali ed invernali. Semplicissimo da preparare come i più classici risotti. 
Ingredienti per 4 persone: 1 porro (o 1 cipolla), 320 grammi di riso, circa 1 litro - 1 litro e mezzo di brodo vegetale, 2 cucchiaini di curcuma, olio e pepe qb.
Preparazione: soffriggete in una casseruola il porro o la cipolla con l’olio, poi versateci dentro il riso (in foto vedete quello integrale) e lasciatelo rosolare per qualche minuto. A parte avrete preparato il brodo vegetale che piano piano verserete nella casseruola per fare in modo che il riso si cuocia, girandolo ogni tanto. Se avete scelto come me l’integrale, considerate che ci vuole circa 1 ora, abbondate quindi con il brodo, se volete evitare di doverlo girare troppo spesso per paura che si attacchi. Una volta cotto il riso e asciugato quasi tutto il brodo, e infine spolverate con la curcuma e il pepe.

 

  1. PATATE SPEZIATE ALLA CURCUMA

Ottima variante delle tradizionali patate ripassate in padella. Una ricetta semplicissima che può salvare in quelle situazioni in cui serve un contorno da preparare agevolmente e con qualcosa che si ha sempre in casa: le patate.
Ingredienti: patate 250 grammi, 1 cipolla piccola, curcuma mezzo cucchiaino o più ( a seconda dei vostri gusti), olio extra vergine, pepe nero e peperoncino qb.
Preparazione: le scelte sono due, o lessate prima un po’ le patate e poi le ripassate semplicemente in padella, oppure (come generalmente faccio io) le tagliate a pezzetti piccoli e le cuocete direttamente in padella aggiungendo un po’ d’acqua. Ma partiamo dall’inizio: pelate la cipolla e tagliatela a pezzetti piccoli, fate un soffritto leggero utilizzando l’olio extravergine. Una volta dorata aggiungete le patate a pezzetti, acqua a coprire e lasciate cuocere per circa 20 minuti, se necessario aggiungendo altra acqua. Una volta che le patate sono pronte, fatele rosolare un po’ e infine aggiungete pepe, peperoncino e curcuma!

 

  1. PASTA CAVOLO VERDE E CURCUMA

Ingredienti per 4 persone

1 cavolo verde
1 porro (o mezzo a seconda dei gusti e della grandezza del porro - se non vi piace si può sostituire con la classica cipolla)
Un cucchiaino o due di curcuma
Sale, olio e pepe
Pasta (quantità e tipologia a vostra scelta – quelli che vedete in foto sono fusilli integrali, di solito considero 70 grammi a persona che tra l’altro con questo tipo di condimento rendono moltissimo)

Lavate bene il porro e sminuzzatelo in una padella con un goccio d’olio, lasciate rosolare leggermente e poi unite a piccoli pezzetti il cavolo verde e un po’ d’acqua per fare in modo che si possa cuocere a sufficienza senza attaccarsi (ci vogliono circa 20 minuti ma il tempo di cottura dipenderà molto da quanto avete tagliato piccoli i pezzetti di cavolo). Solo dopo aver spento aggiungete la curcuma (evitando di cuocerla infatti si mantengono meglio le proprietà) e un pizzico di pepe per far in modo che questa meravigliosa spezia sia più facilmente assimilabile dall'organismo! A parte cuocete la pasta, scolatela al dente e ripassatela brevemente in padella con il cavolo. Impiattate e servite.

 

  1. CRACKERS ALLA CURCUMA

Ingredienti

·         300 g di farina di tipo 1 o 2

·         70 ml di olio extravergine di oliva

·         50 ml di acqua

·         50 ml di vino o bianco o rosso

·         2 cucchiaini di curcuma

·         2 prese di sale

·         1 pizzico di paprika

·         1 pizzico di pepe

·         una manciata di semi di sesamo

·         2 cucchiaini di erbette miste

  • La preparazione di questi cracker è facilissima, anche per coloro che sono normalmente negati ai fornelli: in una terrina capiente versate la farina setacciata, aggiungete, l'acqua, l'olio e il vino, mescolate tutti gli ingredienti, quindi aggiungete la curcuma, il sesamo, il sale, la paprika piccante, il pepe e le erbette.
  • Impastate bene, per qualche minuto, fino ad amalgamare tutti gli ingredienti e, quando avrete ottenuto un impasto omogeneo e liscio, coprite la pasta con una pellicola trasparente e lasciatela riposare per 15-20 minuti in un luogo asciutto e non troppo caldo.
  • Nel frattempo fate riscaldare il forno a 180 gradi, poi riprendete l'impasto, adagiatelo su un foglio di carta da forno spolverizzato con della farina e – con l'aiuto di un mattarello – stendete l'impasto fino ad ottenere uno strato rettangolare (delle stesse dimensioni della vostra placca da forno) dello spessore di 3-4 millimetri, poi – con una rotella dentellata – tagliate il rettangolo in tanti quadrotti o rettangoli, della dimensione che preferite, quindi trasferite il foglio sulla placca (facendo attenzione a non far cadere l'impasto) e infornate per 20 minuti.
  • Quando i cracker saranno ben dorati, sfornateli, lasciateli freddare completamente e serviteli!
  1. OLIO ALLA CURCUMA

Realizzare un olio alla curcuma è un modo facile e comodo per avere sempre a disposizione questa spezia, anche nei momenti in cui non si ha tempo di cucinare pietanze più elaborate. Si può infatti utilizzare per condire anche una semplice insalata o delle verdure cotte a vapore. Per prepararlo servono 500 ml di olio extravergine di oliva, 3 cucchiai di curcuma in polvere. Versate l'olio in un barattolo di vetro con coperchio ermetico e mescolate la curcuma. Chiudete e lasciate macerare per una settimana, semplicemente agitando il barattolo una volta al giorno. All'ottavo giorno travasate il tutto in una bottiglia scura senza muovere la curcuma depositata sul fondo.

  1. GOLDEN MILK

Una bevanda calda e confortevole per iniziare bene la giornata o per un momento di relax pomeridiano o serale. In realtà il golden milk o latte d’oro deriva dalla tradizione dello yoga Kundalini e viene consigliato a chi pratica per mantenere in buona salute le articolazioni del corpo. Assumetelo per 40 giorni di fila come consigliato dai maestri yoga. In alternativa potete preparare un solo bicchiere di golden milk semplicemente aggiungendo ad un bicchiere di latte tiepido (anche vegetale) ¼ o ½ cucchiaino di curcuma, 1 cucchiaino di olio di mandorle dolci (per uso alimentare!) o in alternativa un pizzico di pepe. Per dolcificare utilizzate del miele!

 

E voi come utilizzate questa spezia? se volete proporre qualche ricetta fatelo sotto nella zona commenti!

 

 


TARTELLE DI LENTICCHIE

Tartellette di lenticchie, il finger food perfetto per la notte di San Silvestro. Saporiti bocconcini vegan da servire al cenone di Capodanno per augurare a parenti amici un nuovo anno sereno e ricco di prosperità.

Le lenticchie, legumi ricchi di proprietà nutritive, sono per questo motivo un simbolo di buon auspicio e vengono quindi servite allo scoccare della mezzanotte insieme a zamponi e cotechino; noi vi suggeriamo invece una ricetta completamente vegetalecon la quale potrete deliziare i vostri commensali. Da preparare anche in anticipo e servire tranquillamente a temperatura ambiente, le tartellette di lenticchie sono croccanti ed estremamente stuzzicanti.

Ingredienti per 20 tartellette di lenticchie

·         200 gr di lenticchie secche

·         1 carota

·         1 cipolla rossa

·         olio evo q.v.

·         1 cucchiaio di passata di pomodoro

·         250 gr di farina di tipo 1

·         120 gr di acqua

·         80 gr di olio evo

·         1 pizzico di sale

·         1 punta di cucchiaio di curcuma in polvere

·         20 stampini in alluminio per tartellette

 

Come preparare le tartellette di lenticchie: procedimento

 

·         Pelare la carota e sbucciare la cipolla, metterle in un robot insieme a un filo d'olio e tritarle finemente,

·         metterle in una padella capiente insieme all'olio e far rosolare,

·         sciacquare le lenticchie sotto l'acqua corrente ed aggiungerle nella pentola, coprire d'acqua, aggiungere la passata di pomodoro e far cuocere fin quando le lenticchie non diverranno tenere, a fine cottura regolare di sale e far raffreddare.

·         Nel frattempo preparare la pasta brisée unendo la farina, il sale e la curcuma in una ciotola, aggiungere l'olio ed iniziare ad impastare, a seguire versare l'acqua e continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio e non appiccicoso,

·         metterlo su un foglio di carta forno e spianarlo con un mattarello fino ad ottenere uno spessore di circa due/tre millimetri

·         Ungere gli stampini e rivestirli con la pasta brisée,

·         coprirli con della carta forno e su essa mettere dei legumi secchi in modo che facciano peso ed evitino così che questa possa gonfiarsi in cottura,

·         cuocere in forno caldo a 180° per circa trentacinque minuti,

·         a cottura sfornare, togliere i legumi e la carta forno,

·         sformare delicatamente le tartellette e farle raffreddare completamente su una gratella,

·         una volta fredde farcire le tartellette con le lenticchie e servirle in tavola allo scoccare della mezzanotte.

 

 

 


PANINI AL FARRO

Panini all'olio, ecco la ricetta per preparare in casa dei soffici panini variegati alla curcuma con farina di farro con esubero di pasta madre.

I panini all'olio sono una ricetta semplice e veloce per smaltire l'esubero di pasta madre; soffici e dal sapore irresistibile possono essere serviti in tavola per accompagnare le seconde portate, ma sono perfetti anche per essere inseriti in un buffet freddo. Da farcire a piacere, questi panini all'olio variegati alla curcuma sono soffici e colorati, perfetti anche per servire hamburger vegetali.

Ingredienti

·         80 gr di esubero di pasta madre

·         120 gr di acqua

·         220 gr di farina di farro

·         15 gr di olio evo

·         6 gr di sale

·         1/4 di cucchiaino di curcuma in pollvere

 

Procedimento 

·         Sciogliere la pasta madre nell'acqua,

·         aggiungere la farina di farro ed iniziare ad impastare,

·         incorporare a seguire l'olio e poi il sale,

·         ed in fine aggiungere la curcuma,

·         lavorare il composto per qualche minuto fin quando non presenterà delle striature colorate derivate dall'aggiunta della curcuma.

·         Coprire con della pellicola alimentare a contatto in modo da non far seccare l'impasto in supeficie e lasciar lievitare fino al raddoppio lontano da correnti d'aria,

·         a lievitazione avvenuta foderare la leccarda del forno con la carta forno,

·         tagliare dei pezzi d'impasto di egual misura e formare delle palline,

·         metterle nella teglia, infornare

·         e cuocere in forno caldo a 180° per quaranta minuti o comunque fino a doratura,

·         a cottura ultimata sfornare e far raffreddare i panini di farro su una gratella.

 

Un consiglio in più:

Se la tempertaura atmosferica non fosse alta sarà utile mettere a lievitare l'impasto nel forno spento, con lo sportello chiuso e la luce accesa, il solo calore emesso dalla lampadina in funzione basterà ad aiutare la lievitazione.

Come conservare i panini di farro:

I panini di farro manterranno la loro fragranza per un paio di giorni se riposti in sacchetti di carta alimentare, ma potranno anche essere congelati in appositi sacchetti ed essere poi scongelati all'occorrenza.

 

 

POLPETTONE DI BROCCOLO

Sono 

Ingredienti (per 6 persone)

·         800 gr di broccolo

·         100 gr di parmigiano (grattugiato)

·         100 gr di pancarrè

·         uova

·         70 gr di noci (sgusciate)

·         1 manciata di olive (taggiasche)

·         cipolla

·         q.b. di pangrattato

·         150 gr di provola

·         q.b. di olio d'oliva (extravergine)

·         q.b. di fiocchi di avena

·         q.b. di sale

·         q.b. di pepe

Strumenti Utilizzati

·         Mixer

Preparazione

  1. Per preparare il polpettone di broccolo iniziate a pulire il broccolo e riducetelo a cimette. Sciacquatele abbondantemente, poi immergetele in acqua bollente salata, aggiungendo anche un cucchiaino di aceto di mele (o di vino bianco) che aiuta ad eliminare l’odore pungente del broccolo lesso. Scolate il broccolo ed immergetelo in acqua fredda (questa operazione vi permetterà di mantenere un bel colore verde intenso), poi mettete le cimette nel mixer e frullatele (se sono troppe lavoratene poche alla volta).
  2. Nel frattempo pulite una cipolla e tagliatela a fettine sottili, riscaldate un cucchiaio d’olio e cuocetevi la cipolla, facendola ammorbidire. Per non farla bruciare aggiungete 1-2 cucchiai d’acqua; si cuocerà rimanendo morbida.
  3. Nel mixer, unite al broccolo frullato il pane spezzettato, le uova, il parmigiano, le noci ed una presa di sale. Quando sono pronte aggiungete anche le cipolle (scolate da eventuale liquido di cottura) e frullate tutto insieme.
  4. Ora trasferite il composto frullato in una ciotola, unite la provola a cubetti e le olive denocciolate spezzettate. Amalgamate questi ingredienti ed unite un po’ di pangrattato, quando basta per rendere il composto modellabile, senza indurirlo troppo.
  5. Con il composto modellate un polpettone che andrete a sistemate su un foglio di carta forno, cospargetelo tutt’intorno con dei fiocchi di avena e chiudetelo nella carta forno. Sistematelo su una teglia ed infornatelo a 200° per 30 minuti, apritelo dalla carta gli ultimi 10 minuti di cottura per farlo asciugare meglio. Quindi sfornatelo e lasciatelo intiepidire prima di tagliarlo.
  6. Il polpettone di broccolo è pronto per essere servito.

 


Spezzatino di seitan con verdure

Ingredienti

Seitan fresco 500 gCarote 2Sedano 2 costeCipolle bianche 1Olio extravergine d'oliva 4 cucchiaiSalsa di soia 1 cucchiaioVino bianco 50 mlSale fino q.b.Prezzemolo da tritare 1 cucchiaio

Preparazione

Mondate e lavate le verdure, poi tritate la cipolla e tagliate a cubetti il sedano e le carote. 
In un tegame ponete l’olio e la cipolla, che farete appassire ; nel frattempo riducete il seitan a cubetti  e quando la cipolla sarà appassita aggiungete il sedano e la carota, e lasciate stufare anch’essi .

 Aggiungete il seitan nel tegame con le verdure e poi sfumate con il vino bianco ; in ultimo unite anche un cucchiaio di salsa di soia  poi aggiustate eventualmente di sale e aggiungete il prezzemolo tritato 

Servite lo spezzatino di seitan ancora caldo.